1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Uso dei loghi della Regione Emilia-Romagna
PPS Modena - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Sintesi dell'intervento della Dott.ssa Eva Buiatti - Agenzia Regionale di Sanità della Regione Toscana - Firenze

 
Eva Buiatti

Giovedì 18 settembre 2003
"Il marketing per la salute (i valori, le tecniche, il piano)"

 
 

Sono un'epidemiologa e lavoro all'Agenzia Regionale Sanitaria della Regione Toscana. Il complicato quesito che mi è stato posto è il seguente: sono o meno presenti all'interno della struttura pubblica le competenze "per fare marketing"? A causa della mia impostazione professionale, per me è più facile dire "per fare i Piani per la Salute", che sono un patrimonio comune all'Emilia-Romagna ed alla Toscana. Per questo, parlerò più di Piani per la Salute che di marketing ma nell'intervento precedente ne abbiamo visto le connessioni.
L'analisi dei dati, la statistica, l'epidemiologia sono delle professionalità che sono solidamente in mano pubblica; in realtà qualcosa c'è anche nel privato, ad esempio nelle industrie farmaceutiche e nelle assicurazioni, ma la parte preponderante, gli aspetti innovativi e alti dal punto di vista metodologico, sono contenuti nel sistema pubblico. Queste professionalità sono un patrimonio utile?
Nel chiedersi questo, ci si domanda a cosa servono i dati: nell'attività che facciamo e che vorremmo fare in modo integrato tra i vari soggetti, puntando ad obiettivi di salute, quale funzione hanno i dati? Sembra una domanda retorica; sembra scontato che sapere quali sono i problemi della popolazione e fare il Profilo di Salute serve per individuare le priorità e promuovere così delle azioni che vengono incontro a dei problemi veri. "Vero" è l'aggettivo che più facilmente viene aggregato alla parola dato; è opinione comune che il dato sia vero, mentre il punto di vista, l'opinione, la soggettività non siano così veri, magari sono un po' veri, ma non tanto quanto il numero.
In Toscana organizziamo dei corsi per promuovere i Piani Integrati di Salute, dove il termine "integrato" evidenzia che tanti soggetti devono concorrere alla costruzione del Piano. In questi corsi, mostriamo una matrice decisionale per illustrare i criteri con cui si definiscono le priorità d'intervento, ad esempio perché si decide di intervenire sul fumo piuttosto che sugli incidenti o a sostegno dei soggetti non autosufficienti.

 
 

Uno dei criteri utilizzati nella matrice è l'importanza epidemiologica del problema di salute. Credo che la costruzione del Profilo di Salute, e quindi l'uso delle tecniche epidemiologiche e non (il Profilo di Salute contiene infatti anche dati sull'ambiente, sulle condizioni sociali, ecc.), sia un prerequisito. Sono gli operatori presenti sul territorio che fanno questo lavoro di parte pubblica.
Nella matrice, abbiamo provato ad indicare anche altri criteri per definire la priorità dei problemi di salute: condivisione da parte degli attori coinvolti nel Piano; percezione da parte della popolazione; fattibilità tecnica dell'intervento; esistenza di competenze tecniche sul territorio; fattibilità economica (se non ci sono i soldi è inutile dire che lo si vuol fare, perché non si riesce a farlo).
Tutti i criteri valgono uguale, cioè non abbiamo pensato che uno (es. i dati) ne prevarichi in qualche modo un altro (es. la fattibilità tecnica). Il discorso deve essere condotto con ragionevolezza: facendo un esempio estremo, i dati possono mostrare che le malattie genetiche sono molto rilevanti in una certa popolazione, ma come posso pensare di fare un PPS sulle malattie genetiche, visto che non esiste una fattibilità tecnica per migliorare quel problema di salute?

Ho fatto un esempio estremo, ma ci sono altri settori meno estremi in cui l'importanza epidemiologica non è l'unico fattore da considerare, anche se credo che comunque un certo ruolo ce l'abbia.

Mi sembra pertanto che il Profilo di Salute, così com'è cresciuto (quando è nato era molto più semplice) negli ultimi anni in Emilia-Romagna, in Toscana ed in altre realtà territoriali, è uno strumento di parte pubblica preliminare e importante in questo ambizioso sforzo di fare Piani di Salute. Qui la funzione dell'epidemiologo è ovvia: c'è una tecnica per mettere insieme i dati e bisogna utilizzarla.

Noi epidemiologi ci poniamo anche in un altro punto del percorso di realizzazione dei Piani di Salute: la valutazione.

 
 

Riteniamo che la nostra professionalità serva per la valutazione di processo ed anche per la molto più complessa analisi delle valutazioni di esito. Queste ultime servono per capire se l'obiettivo di salute è stato raggiunto e quindi se le persone, a cui quell'intervento è dedicato, stanno meglio di prima, intendendo per "meglio" un'articolazione vasta del termine: meglio in termini di salute, di malattia, ma anche più "felici", cioè in condizioni di miglior benessere non misurabile con strumentazioni mediche, ma rilevabile domandando semplicemente alla gente che cosa ne pensa di ciò che è successo. Quindi, tutti questi strumenti di valutazione e verifica dovrebbero utilizzare tecniche epidemiologiche, per le quali la presenza di competenze all'interno del sistema pubblico ci può garantire non dico la realizzabilità, ma almeno la possibilità di provarci.

Un altro aspetto, forse quello più problematico, è il ruolo dei dati nella costruzione stessa del messaggio, cioè di quello che vorremmo che fosse il contenuto del Piano di Salute. L'esempio degli stili di vita è quello che viene per primo in mente: la costruzione del messaggio riguarda un comportamento individuale e, a seconda di come uso il dato nella costruzione del messaggio, può darsi che influenzi l'esito positivo o negativo della comunicazione nei confronti delle persone.


Questo è vero non soltanto nel caso degli stili di vita, ma più in generale, perché nello stesso Piano di Salute esiste il concetto di interazione tra coloro che costruiscono il Piano e coloro che lo "ricevono". Non si tratta infatti di un intervento sanitario, come ad esempio un'operazione chirurgica in cui il paziente è immobile anestetizzato mentre il chirurgo opera. Il Piano di Salute comporta di per sé una relazione tra gli operatori che costituiscono il supporto tecnico e la popolazione, i cittadini e la comunità coinvolti nel Piano stesso. Pertanto, l'uso dei dati per costruire il messaggio comporta una crescita culturale nella capacità di capire come sono fatti i dati e quindi di interpretarli correttamente. Non voglio qui dire che l'epidemiologo "imbroglia", ma che lo stesso dato può essere espresso in modo diverso e questo porta a conseguenze diverse.
I dati non sono neutri e la "realtà" si può rappresentare in modi diversi.

Faccio un esempio: sulla stampa quotidiana degli ultimi giorni è uscita un'informazione sui cosiddetti anziani morti da caldo che si riferisce al Comune di Firenze. Nell'articolo viene presentato il confronto del numero di morti (questa è la misura epidemiologica più semplice) nel periodo estivo tra il 2002 ed il 2003 in diverse classi di età;

 
 

viene così mostrato un aumento del numero dei soggetti deceduti nel periodo estivo (metà luglio - metà agosto) nel 2003 rispetto al 2002, sostanzialmente a carico delle persone di 75 anni e più. Questa è un'informazione effettivamente vera, nel senso che se andiamo a contare, la situazione è così. Non c'è nessun errore nel dire questo.

Però posso far vedere questa situazione in un altro modo: comincio il confronto dal 1998;

 
 

i dati sono gli stessi, ma ho cambiato la scala, perché devo far rientrare anche il 1998 che è stato l'anno peggiore, dal punto di vista della mortalità. Credo, ma non l'ho fatto, che se fossi andata indietro nel tempo avrei trovato un andamento "a gobbe". Se vi avessi riportato l'andamento della temperatura e della quantità dell'ozono, avrei trovato che essi si muovono nello stesso modo.

Sono gli stessi dati, ma nel secondo caso si ha l'impressione che il problema dei decessi da caldo non sia un problema che abbiamo avuto solo quest'anno, ma che riemerge quando si verificano delle variazioni climatiche importanti, fenomeno che periodicamente accade. Il 2003 è stato un anno molto caldo, ma abbiamo avuto altri anni molto caldi, come per esempio il 1998. Questo trasporta la problematica dal piano dell'emergenza, dell'eccezionalità, della situazione particolare a una situazione "più normale" - e quindi più affrontabile - di prevenzione del caldo, che può essere uno dei punti su cui ci si può impegnare in modo anche integrato, perché certamente la soluzione a questo problema non è solo sanitaria.

Posso anche fare un'altra cosa: considero sempre le stesse classi di età, lo stesso comune, la stessa popolazione negli stessi anni, ma anziché prendere il periodo metà luglio - metà agosto di ogni anno, prendo tutto l'anno.

 
 

Mostro quindi l'andamento temporale (1998-2001; non posso avere il dato del 2003, perché l'anno non è ancora finito) della mortalità nell'intero anno per le persone di 75 anni e più. Osservo un andamento piatto. Come mai questa incongruenza? Come mai non vedo un andamento a "U", con il 1998 che sale e poi il crollo nell'anno successivo? Non lo vedo perché le morti da caldo sono anticipazioni della morte; dopo il periodo estivo di alta mortalità, analizzando a settembre-ottobre la mortalità nella stessa città, troverò che meno gente morirà, perché è già morta.

A seconda, quindi, di come pongo il problema della mortalità negli ultra75enni, la questione della mortalità da caldo viene fuori oppure non emerge. Per vedere un effetto delle alte temperature, dobbiamo fare un'analisi basata sui mesi e non sugli anni, perché nei mesi del caldo c'è un eccesso di mortalità compensata dal forte calo nei mesi successivi.

Pertanto, la domanda è la seguente: è un obiettivo di sanità pubblica, "regalare qualche mese in più di vita" agli anziani? Secondo me, dovremmo domandare agli anziani stessi cosa ne pensano: secondo loro spendere soldi per assicurare ventilatori o un adeguato supporto idrico alle persone sole ultra75enni per allungare loro la vita di qualche mese, sono soldi spesi bene?

Questo esempio ci dice che bisogna ragionare un po' sull'epidemiologia, se vogliamo che possa essere utilizzata in processi comunicativi; infatti, dal punto di vista professionale, come epidemiologi, siamo rimessi un po' in discussione dal fatto di usare i dati in questo modo attivo, comunicando a grossi numeri di persone. Dobbiamo quindi porci alcuni problemi:

tempestività: l'epidemiologia, la produzione dei dati che occorre per chi lavora sul campo deve avere dei tempi adeguati all'azione;
l'epidemiologia deve essere pragmatica, cioè occuparsi di ciò che viene fuori come problema vero; se vogliamo utilizzare l'epidemiologia all'interno dei Piani di Salute, bisogna ritagliarsi una parte notevole di pragmatismo;
l'epidemiologia deve essere "onesta": la parola "onesta" nel caso specifico significa che bisogna cercare di mostrare il dato anche in più modi, sforzandosi di essere articolati nelle modalità, come ho illustrato per i dati sulla mortalità da caldo. Bisogna inoltre essere in grado, senza paura, di comunicare l'incertezza, perché sono incertezze obiettive e non si può fare a meno di coinvolgere la gente sulle tematiche delle incertezze.
L'aspetto più innovativo che si sta cercando di capire anche sul piano pratico a livello delle nostre realtà locali è come fare a costruire con le persone gli studi stessi. Il Profilo di Salute che è diventato in tanti casi un prodotto molto bello, rimane ancora un prodotto tecnico; la parola "rimane" è riduttiva, dato che il Profilo deve avere un forte contenuto tecnico, ma bisognerebbe forse decidere prima come farlo insieme anche con altri, perché come avete visto a seconda di come analizzo i dati e di come li produco cambia il risultato. Allora il tecnico decide le modalità tecniche, in termini di "cosa è possibile fare"; però, "dove vogliamo arrivare", e quindi come organizziamo lo studio e cosa vogliamo studiare, è una tematica che andrebbe condivisa di più rispetto a quello che tutti noi ancora facciamo.