1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Uso dei loghi della Regione Emilia-Romagna
PPS Modena - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

"Scommetti che smetti?" 2015

Aperte fino al 2 maggio le iscrizioni al concorso a premi per diventare non fumatori

 

Dal 30 marzo fino al 2 maggio è possibile iscriversi a "Scommetti che smetti?", il concorso a premi per diventare non fumatori organizzato dalle Aziende sanitarie modenesi in collaborazione con numerosi partner del territorio. L'iniziativa ha un duplice obiettivo: sfidare in modo ludico e gratificante i modenesi ad abbandonare l'abitudine tabagica e promuovere la preziosa azione dei Centri antifumo che operano sul territorio.

 

E ancora una volta è il racconto dei partecipanti a "Scommetti che smetti?" il modo migliore per presentare il concorso. Queste le parole di Marina pubblicate nel Diario dell'iniziativa: "Credetemi, dopo 27 anni di fumo di cui tanti anni passati a fumare anche 2 pacchetti al giorno, non è stato facile. Ero così dipendente che non riuscivo a stare senza fumare neanche con la tosse. E' stato difficilissimo perché non avevo le dita gialle, nemmeno i denti, non mi avevano diagnosticato nessuna malattia ma perchè ho smesso? Ho smesso perchè io dipendevo dai tabaccai, dall'industria del tabacco. Io ero schiava di un pacchetto di veleno di cui il catrame, l'ammoniaca e le altre decine di veleni che provocano assuefazione e morte erano diventati più forti della mia volontà. Perchè fumavo anche quando stavo male, perchè ho fumato anche quando ero incinta..come suona questa cosa? Un non fumatore mi darebbe dell'assassina. Ho smesso perchè mia figlia di 9 anni mi diceva che puzzavo. Ho smesso perchè pur di avere le sigarette avrei fatto carte false, perchè mentivo, bugiarda per le sigarette.

 
 

Ero pronta a rinunciare anche a una bella cena se fatta a casa di non fumatori. Ho smesso perchè la sigaretta non solo ti avvelena ma ti toglie la dignità. Ho smesso perchè ogni ora la dovevo accendere anche di nascosto, al freddo...
Ho smesso perchè mi facevo pena e pur sapendo che dietro la mia tossicodipendenza c'era una delle più potenti industrie che stanno ben attenti a non farti smettere, ma anzi continuano a mandare messaggi affinchè tu continui a fumare, io ho detto che era ora di combattere questa schiavitù. Difficile? Difficile si. Eppure ce l'ho fatta!"