1. Contenuto della pagina
  2. Menu principale di navigazione
  3. Menu di sezione
Uso dei loghi della Regione Emilia-Romagna
PPS Modena - Testata per la stampa

Contenuto della pagina

Aprile mese della prevenzione alcologica 2015: Alcol e minori

Tutte le informazioni sull'iniziativa

 
Alcol il massimo è zero

"Alcol e minori" è il tema scelto quest'anno in occasione del mese nazionale per la prevenzione alcologica. Lo slogan scelto è "Under 18: alcol, il massimo è zero". L'atteggiamento verso l'alcol si apprende fin da bambini, quindi in famiglia e nei contesti sociali. Gli adulti come genitori, educatori, insegnanti ed operatori sanitari non solo veicolano le informazioni rispetto all'alcol, ma fungono anche da modelli di riferimento di consumo e sono fondamentali per fare interiorizzare ai minori un atteggiamento responsabile nei confronti dell'alcol, che significa un consumo a livello zero. L'Organizzazione Mondiale della Sanità raccomanda la totale astensione dal consumo di alcol fino ai 16 anni.
In ciascun Distretto della provincia di Modena vengono promosse iniziative per sensibilizzare sui rischi legati al consumo di alcol nei minori, per i genitori, gli educatori, gli insegnanti, gli operatori e tutti coloro che lavorano con i minori, compreso gli esercenti.
Partner dell'iniziativa sono le Associazioni di auto mutuo aiuto (Associazioni Club Alcolisti in Trattamento, Alcolisti Anonimi, Al-Anon) e A.I.O.P. Emilia-Romagna.

 

I materiali

 

Sono stati predisposti una locandina, contenente lo slogan "Under 18: alcol il massimo è zero", e una cartolina, che illustra un "decalogo" sul comportamento da tenere con i minori rispetto al consumo di alcol.

 
 

Il retro della cartolina con i dieci suggerimenti per genitori, educatori, insegnanti ed operatori sanitari:
1. Non esortare mai i minori di anni 18  a bere e informarli precocemente sugli effetti e i rischi dell'alcol! In caso di assunzione, infatti, vi è un elevato rischio di danni fisici e psichici (Organizzazione Mondiale della Sanità)
2. Insegnare a dire di "no": è fondamentale per resistere alle pressioni del gruppo di pari e agli stimoli provenienti dalla società e dalla pubblicità
3. Non comprare bevande alcoliche per i minori e non incaricarli di comprarle
4. Non offrire alimenti con alcol per non abituarli al sapore prima del tempo
5. Non somministrare bevande alcoliche e  non venderle per asporto  ai minori di anni 18, per verificarlo richiedere l'esibizione di un documento di identità
6. Controllare se nelle associazioni o società sportive che frequentano i minori circola alcol. Le persone che vivono in zona, i gestori dei locali, gli altri genitori,  i responsabili delle associazioni, ecc. possono essere validi collaboratori
7. Sottrarre all'alcol il fascino del proibito. Se un giovane, che ha almeno 18 anni, mostra interesse per l'alcol parlarne con lui per insegnargli a gestirlo in modo responsabile
8. Cercare di cogliere nei minori i segnali di un possibile consumo di alcol
9. Dare il buon esempio: è il modo più efficace per tutelare i minori
10. Ci si può divertire anche senza consumo di alcol: per es. organizzando feste con bevande sfiziose, ma non alcoliche!

 

Il programma delle iniziative per il mese della prevenzione alcologica (in corso di aggiornamento)

Distretto di Modena

Durante il mese di aprile Villa Rosa, da anni impegnata attivamente nel trattamento e prevenzione delle problematiche alcol correlate, organizza diverse iniziative:
- nell'ambito del progetto riabilitativo alcologico è prevista la proiezione di alcuni films a tema, al termine dei quali seguirà una discussione con il gruppo dei partecipanti;

- le associazioni di auto mutuo aiuto incontreranno gli ospiti della struttura per chiarire, approfondire il ruolo dei gruppi nel trattamento e prevenzione delle problematiche alcol correlate con l'obiettivo di sensibilizzare maggiormente pazienti e familiari. Queste le date:
9 aprile incontro con AA;
16 aprile incontro con AL ANON;
23 aprile incontro con CAT.

- verrà proposta la compilazione, in forma anonima, del test CAGE (strumento di autovalutazione della problematica alcol correlata) con l'intento di sensibilizzare gli utenti dell'ospedale e del servizio di radiologia di Villa Rosa alla problematica.



 

12 maggio, ore 16:30-19:00 
Centro giovanile Analcolico HAPPEN - Strada nazionale Canaletto Sud, 43/L
"Il piacere del rischio e il rischio del piacere".

 

9 maggio 2015, ore 9:30-12:30 - Attenzione! L'evento sarà posticipato in autunno in data da definirsi
c/o Liceo Classico "L.A. Muratori"
"L'alcol e la voglia di "spaccare" il mondo: incontro per genitori con molti dubbi". Fenomenologia, immagini e riflessioni a più voci sul piacere ed i rischi del bere, per scegliere in modo responsabile e consapevole. Intervento a cura della Dott.ssa Chiara Gabrielli e della Dott.ssa Mariarosa Morandi (Centro Alcologico di Modena), Dott.ssa Cristina Medici (CEIS)
Introducono: Giuliana Urbelli, Assessore Coesione sociale, Sanità, Welfare, Integrazione e Cittadinanza del Comune di Modena e Dott.ssa Francesca Novaco, Direttore Distretto di Modena.
In collaborazione con "Rete di prevenzione", Comune di Modena

 

Durante i mesi di marzo, aprile e maggio c/o la Scuola Secondaria di I° grado "Ferraris", nell'ambito del Progetto Paesaggi di Prevenzione, saranno coinvolte tutte le terze classi in attività dal titolo "Tra rischio e piacere".
Si tratta di interventi e prove pratiche conn occhiali speciali sulla percezione delle due facce dell'alcol e sugli effetti, sulla creazione dei modelli a cui ispirarsi, con produzione di materiali da esporre duante la festa della scuola.
In occasione di queste attività a cura del Centro Alcologico di Modena in collaborazione con la Scuola Secondaria di I° grado "Ferraris", verranno distribuite cartoline sul tema con i suggerimenti per i genitori e gli adulti.

 

18 aprile 2015, ore 9:30-12:30
c/o Scuola Secondaria I°grado "G. Ferraris" - Sala Gradoni
Incontro per i genitori sul gioco d'azzardo patologico "Giocare non è un gioco". Nell'occasione verrà distribuito materiale informativo con le raccomandazioni ai genitori in tema di alcol e minori.

 

Distretto di Carpi

 

15-16 aprile 2015
presso la Scuola Secondaria di I°grado "Gasparini" di Novi di Modena 
Distribuzione delle cartoline "Alcol e Minori" ai genitori durante il ricevimento generale, a cura del personale docente della scuola

 

15 aprile 2015, ore 20:30
presso il Liceo M. Fanti di Carpi
"Adolescenza in corso, ci scusiamo per il disagio": serata di messa in gioco tra genitori in cerca di confronto. In tale occasione verranno distribuite e discusse le raccomandazioni ai genitori in tema di alcol con la dott.ssa Maria Corvese e la dott.ssa Nora Marzi.

 

9 aprile 2015
presso il Liceo M. Fanti di Carpi
Distribuzione delle cartoline "Alcol e Minori" ai genitori delle classi prime e seconde durante il ricevimento generale, a cura del personale docente della scuola

 

9 aprile 2015
presso la Scuola Secondaria di I°grado "Gasparini" di Rovereto s/S - Novi di Modena 
Distribuzione delle cartoline "Alcol e Minori" ai genitori durante il ricevimento generale, a cura del personale docente della scuola

 

28 marzo 2015, ore 9:00-12.30
presso la Scuola Secondaria di 1° Grado "A. Pio"
"GENITORI IN GIOCO: IL MASSIMO È ZERO !!!": incontro formativo-interattivo per genitori sui "consigli" per la prevenzione dell'uso di alcol da parte dei figli e la normativa vigente.
Conducono dott.ssa Maria Corvese (Psicologa) e Devis Ghidoni (Educatore) del Servizio Dipendenze Patologiche, in collaborazione con il Comitato Genitori e la Scuola "A. Pio".

 
 
 
 
 

25 marzo 2015
presso l' ITI "Leonardo da Vinci" di Carpi
Distribuzione cartoline con le raccomandazioni ai genitori delle classe prime, durante il ricevimento generale
a cura di: SDP di Carpi-Educativa di strada Coop Aliante e peer educators dell' ITI Leonardo Da Vinci

 
 

Distretto di Castelfranco Emilia

28 aprile 2015, ore 18:30-20:00
presso l'Istituto Spallanzani di Castelfranco Emilia
Serata dibattito dedicata alla ensibilizzazione sul tema, aperta i genitori e agli studenti della scuola.
Sono presenti la dottoressa Neri (psicologa) e il dott. Riccardo Giampaolo (educatore).

 

1 aprile 2015, ore 15:00
presso il Centro "I saggi" di San Cesario
Incontro di sensibilizzazione sull'alcol con la dott.ssa Bassini e l'educatrice Chiapponi.

 
 

Distretto di Sassuolo

Durante tutto il mese di aprile sono previste diverse uscite pomeridiane e serali nei Comuni del Distretto da parte del team di progetto "Strada Facendo" di educativa di strada. Tali azioni sono dirette a sensibilizzare e informare i giovani e gli esercenti nei luoghi di divertimento e di vendita e consumo di bevande alcoliche con distribuzione dei materiali previsti dalla campagna di prevenzione.

 
 

Nelle scuole secondarie di II grado del territorio distrettuale, in occasione del ricevimento generale,  i ragazzi peer educators di ogni singolo Istituto cureranno la distribuzione della cartolina informativa ai genitori:
- Martedì 14 aprile 2015 dalle ore 15: Istituto di istruzione Superiore "ITCG Baggi" - Sassuolo
- Giovedì 16 aprile 2015 dalle ore 15: Istituto di istruzione Superiore "A.F.Formiggini" - Sassuolo
- Martedì 21 aprile 2015: dalle ore 15: I.P.S.S.C.T. "Elsa Morante" - Sassuolo

 
 

16 maggio 2015 dalle ore 10 alle ore 12,30
presso Aula Magna ITI Volta - Sassuolo
Conferenza rivolta ai genitori delle scuole superiori del Distretto Sanitario di Sassuolo "L'alcol, le altre sostanze, i giovani: il ruolo degli adulti"
Relatore: Dott. Claudio Annovi, Psicologo, Direttore Servizio Dipendenze Patologiche Area Sud - AUSL Modena

 
 

Distretto di Pavullo

Durante tutto il mese di aprile sono previste iniziative diversificate dirette ai target oggetto della campagna di sensibilizzazione: adolescenti, educatori/genitori, esercenti

 
 

Nelle scuole secondarie di II grado del territorio distrettuale, in occasione del ricevimento generale, distribuzione del materiale informativo a cura dei ragazzi peer educators coordinati dal Servizio Dipendenze Patologiche.

 
 

30 aprile 
Aperitivo analcolico nei bar del centro organizzato dagli esercenti e distribuzione materiale informativo.

 

27 aprile ore 20,30 - Sala Polivalente Serramazzoni
Incontro con i genitori delle scuole medie di Serramazzoni.

 

23 aprile ore 19 - Scuola media Pavullo
Incontro con il comitato genitori.

 

9 aprile ore 18 - Sala Campanella
Incontro con i gestori degli esercizi pubblici interessati al tema della vendita o somministrazione di bevande alcoliche. In collaborazione con Assessorato attività produttive.

 
 

Distretto di Vignola

Giovedì 23 aprile dalle 18:30 alle 20 a Zocca, presso la sede del Centro Giovani - Viale G. Verdi 43 (a fianco sede AVIS)
Incontro: "Alcool e minori: questione da adulti"
Interverranno:
- Dott. Marzola Renzo - Psicologo Responsabile UOS Dipendenze Patologiche Vignola
- Dott. Bernardi Alberto - Educatore Professionale Dipendenze Patologiche Vignola
- Dott.ssa Laura Baraccani - operatrice politiche giovanili - struttura Welfare locale Unione Terre di Castelli
- Manuele Covili - assessore istruzione comune di Zocca;
- referente Spazio Giovani Ausl

 
 

Giovedì 30 aprile dalle ore 15 a Zocca, presso il campo da calcio di Viale Verdi (di fronte al Centro Giovani)
Torneo di calcetto "Diamo un calcio all'alcool" a cura del Centro Giovani
Nell'ambito dell'iniziativa verrà distribuito materiale informativo ai ragazzi.

 
 

Mercoledì 29 aprile dalle ore 18:30 alle 20 a Guiglia, presso la sede del Centro Giovani - Via G. Di Vittorio (all'interno del cortile del Castello di Guiglia)
Incontro: "Alcool e minori: questione da adulti"
Interverranno:
- Dott. Marzola Renzo- Psicologo Responsabile UOS Dipendenze Patologiche Vignola
- Dott. Bernardi Alberto - Educatore Professionale Dipendenze Patologiche Vignola
- Dott.ssa Franca Anna - Psicologa Responsabile Psicologia Clinica Area Sud Vignola
- Dott.ssa Laura Baraccani - operatrice politiche giovanili - struttura Welfare locale Unione Terre di Castelli;
- Dr.ssa Pesci Alessia - Sociologa Presidente LAG (Libera Associazione Genitori)
- Monica Amici - sindaco di Guiglia

 
 

Mercoledì 29 aprile mattina presso l'Istituto Lazzaro Spallanzani di Vignola, gli studenti affrontano tematiche sull'uso e abuso di sostnze alcoliche
Incontro: "In...dependence Day"
Interverranno:
- Dott.ssa Federica Benatti - Psicologa a contratto Ausl Modena
- Dott. Bernardi Alberto - Educatore Professionale Dipendenze Patologiche Vignola

 
 

I dati sul consumo di alcolici nei minori in Italia

- L'età di iniziazione al consumo di alcol è di 11-12 anni (SIA) e la quota di quanti hanno almeno un comportamento a rischio è molto rilevante tra i giovanissimi di 11-15 anni: le percentuali rilevate sono pari al 12,4% per i maschi e al 10% per le femmine. (Istat, 2014)
- Il 10,2% degli adolescenti 11-17enni (l'11,7% dei ragazzi e l'8,5% delle ragazze) hanno almeno un comportamento di consumo a rischio, di cui 0,6% un consumo giornaliero non moderato e il 2,9% (3,5 di maschi e 2,2 di femmine) un consumo di binge-drinking. (Istat, 2014)
- Anche tra i ragazzi di 16-17 anni il quadro dei comportamenti di consumo a rischio è piuttosto critico, interessando il 10,2% dei ragazzi e il 4,8% delle ragazze. Inoltre, già a questa età il binge drinking raggiunge livelli superiori a quelli medi della popolazione. (Istat, 2014)
- Il consumo di alcol fuori dai pasti almeno una volta a settimana è un'altra tipologia di consumo frequente e a rischio per i giovanissimi:  riguarda il 4,8% dei ragazzi tra gli 16 e i 17 anni (6,7% dei maschi e 2,6% delle femmine). (Istat, 2014)

 

La normativa italiana in materia di alcol e minori

Il Ministero dello Sviluppo Economico in data 4 febbraio 2013, con la risoluzione 18512/13, ha chiarito che l'applicabilità del divieto di vendita di bevande alcoliche ai minori di anni 18, previsto dall'art. 7 del DL 158/2012, vale anche per la somministrazione sul posto, in linea con analogo parere del Ministero dell'Interno. Pertanto oggi è vietato sia vendere che somministrare sul posto bevande alcoliche a minori degli anni 18; nel caso di vendita di bevande alcoliche a minori degli anni 18, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 250 a 1000 euro; nel caso di somministrazione di bevande alcoliche a minori degli anni 16, la sanzione è l'arresto fino a un anno; nel caso di somministrazione di bevande alcoliche a minori degli anni 18, ma maggiori degli anni 16, si applica la sanzione amministrativa pecuniaria da 250 a 1000 euro. Infatti la vendita di bevande alcoliche a minori di anni 16 è sanzionata in via amministrativa, mentre la somministrazione sul posto di bevande alcoliche agli stessi minori di anni 16 è sanzionata penalmente.Ricapitolando, il Ministero specifica che la somministrazione, cioè la vendita per il consumo sul posto, è reato se eseguita nei confronti dei minori di 16 anni, è illecito amministrativo se eseguita nei confronti di soggetti di età compresa tra i 16 ed i 18 anni. La sanzione amministrativa deve essere sempre applicata nel caso di vendita di alcolici per asporto ai minori di qualunque età.

 

Rassegna stampa

 

Nella foto a sinistra: Giulio Guerzoni, assessore alle Politiche giovanili Comune di Modena, Claudio Annovi, responsabile progetto Alcol dell' Ausl di Modena; Giuseppe Fattori, responsabile Programma Promozione della Salute Ausl Modena, Federica Ronchetti, referente Centri Adolescenza Ausl Modena.